La Festa di San Leone a Saracena in Calabria

by Jamaluca
Festa di San Leone a Saracena

La Festa di San Leone a Saracena, tra i borghi autentici d’Italia in provincia di Cosenza, è uno degli eventi religiosi ma anche popolari da non perdere in Calabria tra fede, musica e folklore, buon cibo e l’immancabile Moscato.

Ogni anno nella notte tra il 19 e il 20 febbraio la comunità di questo piccolo borgo del Parco Nazionale del Pollino festeggia il Santo Patrono.

San Leone si festeggia a Saracena anche la seconda domenica di agosto con la tradizionale processione tra le vie del paese in occasione dei tanti emigrati che rientrano in estate.

Saracena e il legame con San Leone

San Leone nasce a Ravenna nel 720 d.C., divenuto sacerdote si trasferisce a Reggio Calabria e qui rimane fino alla successiva elezione a vescovo di Catania.

La vita di San Leone è dedita alla lotta contro l’eresia e all’opposizione contro la distruzione delle immagini sacre, per questo motivo viene allontanato da Catania per poi ritornare successivamente e morire il 20 febbraio 789 d.C.

A San Leone sono attribuiti tanti miracoli e per questo viene chiamato il Taumaturgo.

Come arriva il culto di San Leone a Saracena? Durante la costruzione della Chiesa, prima dedicata a Santa Caterina, alcuni operai provenienti dalla Sicilia portano con sé la tela di San Leone e dedicano al santo una cappella. Nel 1224 venne consacrata a San Leone e dal 1630 è il Santo Patrono di Saracena. Anche qui sono riconosciuti molti miracoli, dalla liberazione dalla pestilenza e dalla siccità alla cura miracolosa degli ammalati.

Tra le reliquie del Santo, Saracena custodisce un osso del pollice all’interno del reliquiario d’argento e un’altra appesa al collo del santo.

La Festa di San Leone a Saracena

La Festa di San Leone a Saracena ha origini antichissime, probabilmente nasce con l’avvio dei primi mercati e delle fiere di bestiame in occasione delle feste patronali che attiravano gente da ogni parte anche durante i giorni della novena.

Oggi, come in passato, le celebrazioni iniziano il 10 febbraio con la Santa Messa e l’intronizzazione di San Leone, proseguono con il novenario fino al 19 febbraio, giorno della fiaccolata e dei fucarazzi.

Festa di San Leone a Saracena
Festa di San Leone a Saracena – Credits: Frdigitalsolution

La fiaccolata

La sera del 19 febbraio, al termine della Messa, si svolge la famosa e festosa fiaccolata che parte e ritorna in Chiesa dove ad aspettarli c’è il Santo Patrono. La fiaccolata è accompagnata da canti devozionali e musiche tradizionali e folkloristiche.

Tornati in chiesa ogni gruppo si avvicina all’altare maggiore inneggiando con canti e suoni gridando Viva San Leone!

Festa di San Leone a Saracena
Festa di San Leone a Saracena – Credits: Frdigitalsolution

I fucarazzi

Dopo la festa in chiesa, la serata continua con grande convivialità. In ogni rione intorno ai fucarazzi, accesi sia come rito propiziatorio di purificazione, di rinascita e buon augurio sia per riscaldarsi, vengono offerti i prodotti tipici di Saracena, piatti arrostiti e fritti, salumi, focacce tradizionali, formaggi, dolci accompagnati dal vino e dal Moscato di Saracena.

Per approfondire la storia sulla Festa di San Leone condivido questo video.

Come arrivare a Saracena

Per raggiungere Saracena bisogna prendere l’uscita autostradale di Sibari-Firmo-Spezzano Albanese e proseguire sulle SP174, SP271 e SP263 in direzione di Via Giorgio la Pira/Via Roma a Saracena oppure uscire a Frascineto, seguire le indicazioni per Castrovillari e San Basile fino a Saracena.

In collaborazione con la Proloco di Saracena

Se ti è piaciuto condividilo su:

Leggi anche

Lascia un commento