Home Puglia Ceramica di Grottaglie: viaggio alla scoperta del Museo e del Quartiere

Ceramica di Grottaglie: viaggio alla scoperta del Museo e del Quartiere

by Maria Rita

Insieme alla maiolica di Laterza la ceramica di Grottaglie rappresenta una delle eccellenze della provincia di Taranto in Puglia. Grottaglie, infatti, è uno dei maggiori centri produttivi di questa regione che non stanca mai di essere visitata.

La Ceramica di Grottaglie

Vi siete mai chiesti perchè Grottaglie è famosa per la ceramica? Io si, ed ho scoperto che la sua importanza è legata sia all’essere vicina a Taranto e al porto che ne ha favorito il commercio marittimo, sia al fatto che nei dintorni si trovano fin dall’antichità tantissime cave da cui estrarre l’argilla per le prime produzioni ad uso domestico fino a raggiungere lo splendore in epoca barocca.

Pensate che sono stati ritrovati reperti risalenti all’VIII secolo a.C. e nel XIV secolo esisteva già un quartiere delle ceramiche, li Camenn’re. Se dal 1567 i ceramisti sono qualificati come cretari, cretaruli e stazzonari perchè producono oggetti di uso quotidiano, nel ‘600 quelli che si dedicano alla ceramica raffinata sono chiamati faenzari.

La ceramica si riconosce per la bicromia azzurro e giallo-arancio o marrone e nei bianchi di Grottaglie per i gusti d’élite insieme ai famosi pumi.

I pumi di Grottaglie

Se visitate Grottaglie, vedete i pumi ovunque! Li trovate nei negozi, tra i souvenirs, persino sui balconi e all’ingresso delle case. Queste creazioni di ceramica raffigurano un bocciolo con le foglie d’acanto.

Ceramica di Grottaglie - centro storico
Ceramica di Grottaglie – I pumi sui balconi del centro storico

Ispirandosi al culto della dea Pomona, protettrice dei frutti, i pumi rappresentano la primavera, l’energia, il rinnovamento, la rinascita ma anche castità e immortalità. Per i superstiziosi allontanano la sfortuna e dicono siano favorevoli alla prosperità e alla fecondità.

Terra delle Gravine - I Pumi di Grottaglie
Terra delle Gravine – I Pumi di Grottaglie

Ceramica di Grottaglie: i luoghi dell’eccellenza

Quando ho visitato Grottaglie di sera, guardando il Castello mi sono chiesta quanto doveva essere bella di giorno e quanto sarebbe piaciuta anche a mio marito. Grottaglie, insieme a Laterza e Cutrofiano, fa parte dell’Associazione Italiana Città della Ceramica e grazie agli eventi di Buongiorno Ceramica siamo tornati.

Il Museo della Ceramica nel Castello Episcopio

Il Museo della Ceramica si trova all’interno del Castello Episcopio, dove si può ancora notare l’antica torre interna di circa 28 metri e il loggiato.

Castello Episcopio - Grottaglie
Castello Episcopio – Grottaglie

Appena entrate nel Museo potete ammirare l’esposizione permanente del Presepe.

Il Museo della Ceramica conta 400 manufatti a partite dall’VIII secolo a.C. provenienti da collezioni pubbliche e private e si divide in cinque sezioni: ceramica tradizionale d’uso, archeologica, maioliche, ceramica contemporanea e presepi.

Museo della ceramica - Grottaglie
Museo della ceramica – Grottaglie

Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale.

Il Quartiere delle Ceramiche

Il vero cuore di Grottaglie è il Quartiere delle Ceramiche che si sviluppa lungo la Gravina di San Giorgio tra Via Crispi e Via Caravaggio.

Nel quartiere sono presenti sessanta botteghe, è impossibile visitarle tutte ma vi consiglio di visitarne almeno una decina perchè ognuna di loro ha la sua particolarità. Alcuni ceramisti hanno aperto il loro laboratorio seguendo la loro passione per l’arte, altri continuano il lavoro che va avanti da generazioni.

Noi abbiamo visitato la bottega tradizionale di Carmelo Carriero che, come altre, si trova all’interno di una grotta della gravina.

Ceramica di Grottaglie - Bottega di Carmelo Carriero
Ceramica di Grottaglie – Bottega di Carmelo Carriero

Siamo passati allo stile innovativo di Annamaria Quaranta con la sua Miss Me che ci da il benvenuto prima di entrare. La sua è una ceramica più moderna.

Ceramica di Grottaglie - Bottega Annamaria Quaranta
Ceramica di Grottaglie – Bottega Annamaria Quaranta

Personalmente ho amato lo stile shabby della bottega Rosa Creazioni che si intona bene con i colori del mio blog.

Ceramica di Grottaglie - Bottega Rosa Creazioni
Ceramica di Grottaglie – Bottega Rosa Creazioni

E ancora la singolarità e lo stile elegante e classico della bottega Ceramiche Arces.

Ceramica di Grottaglie - Bottega Ceramiche Arces
Ceramica di Grottaglie – Bottega Ceramiche Arces

Cosa vedere a Grottaglie oltre la ceramica

Grottaglie non è solo ceramica ma anche natura con escursioni alla Gravina di Riggio con il villaggio scavato nella roccia e la chiesa rupestre affrescata.

Da qualche anno Grottaglie è arricchita di murales dall’artista Paolo Carriere. E’ una street art fuori dagli schemi e ricca di cartoni animati che hanno accompagnato la nostra infanzia come Dumbo, Lamù, Linus e Charle Brown, l’Uomo tigre, Yattaman, Pinocchio, Candy Candy, l’incantevole Creamy, Flò, i Flintones, Heidi e Peter, Tom e Jerry, Puffetta, Titti e Sivestro, Pollon e tanti altri.

Grottaglie - street art Creamy
Grottaglie – street art Creamy

E poi, ancora, è molto carino perdersi tra i vicoli del centro storico, affacciarsi da Piazza San Francesco De Gironamo, visitare la Chiesa del Carmine che custodisce il Presepe in Pietra di Stefano da Putignano e la Chiesa Matrice con la cupola ricoperta di maioliche in Piazza Regina Margherita. Per me che sono calabrese fa un immenso piacere che ci sia anche una chiesa dedicata a San Francesco da Paola, nel chiostro si possono ammirare affreschi che raccontano la sua vita.

Ci siete mai stati a Grottaglie?

In collaborazione con Associazione Italiana Travel Blogger e Buongiorno Ceramica

Aggiornato il

Lascia un commento