Home Tesori di Calabria Ner Tamid del Sud: la Sinagoga ebraica di Serrastretta

Ner Tamid del Sud: la Sinagoga ebraica di Serrastretta

by Maria Rita

Il borgo di Serrastretta è un paradiso per gli occhi, per la mente e per il cuore. Un paradiso che ha fatto ritornare nella terra di origine dei suoi nonni e dei suoi genitori Rabbi Barbara Aiello. In questo piccolo borgo, infatti, esiste l’unica Sinagoga ebraica in Calabria: Ner Tamid del Sud. L’ho visitata per la prima volta nel 2012 e ne sono rimasta colpita tanto da volerci ritornare.

Ner Tamid del Sud

Ner Tamid del Sud: Rabbi Barbara Aiello

Prima di raccontarti della mia visita nella Sinagoga ebraica voglio farti conoscere la sua fondatrice. La sua era una famiglia di anusim, discendenti degli ebrei che furono costretti a convertirsi al cristianesimo durante l’inquisizione. Durante questo periodo gli ebrei spagnoli furono obbligati a rinunciare alla loro religione ebraica o a lasciare il paese, si spostarono verso la Sicilia per poi fermarsi in Calabria. Poi l’America.

Barbara Aiello è l’unica della famiglia nata a Pittsburgh. Suo padre fu uno dei liberatori del campo di concentramento di Buchenwald, in Germania. Ha conservato delle foto che immortalano “Cieli bui, una vecchia struttura, molto simile a un granaio e uomini in pigiama a strisce che si appoggiano ai soldati, con alcuni soldati che tengono in braccio altri uomini in pigiama”.

Da questa esperienza chiese a sua figlia di far qualcosa per il popolo ebraico. Oggi Barbara Aiello è l’unica rabbina donna riformata in Italia e fondatrice e direttrice del Centro Culturale Ebraico Italiano della Calabria. Lo scopo di Rabbi Barbara non è fare proselitismo, ma far riscoprire le proprie origini ai calabresi: si stima, infatti, che il 40% della popolazione calabrese abbia origini ebraiche.

Ner Tamid del Sud: la Sinagoga ebraica di Serrastretta

Rabbi Barbara Aiello ci accoglie nella Sinagoga Ner Tamid del Sud, la Luce eterna del Sud, istituita dal 2006 dopo 500 anni. E’ l’unica sinagoga attiva in Calabria e in occasione degli Bat Mitzvah è frequentata da ebrei provenienti da Canada, Australia, Svizzera, Israele, Stati Uniti e Gran Bretagna.

Rabbi Barbara ci spiega l’uso dello shofar quando si inaugura il nuovo anno che per gli ebrei è a settembre, Rosh haShana. I suoi shofar provengono da Polonia, Russia, Spagna e Germania. Ci fa ascoltare i quattro suoni con cui ricordano l’anno che è appena trascorso e chiedere perdono: TekiahShevarim, Tekiah Gedolah TeruahCi mostra i calici del vino che vengono utilizzati durante lo shabbat, i kos kiddush.

Ner Temid del Sud

Nella sala adiacente alla Sinagoga Rabbi Barbara ha creato un piccolo museo con la sua collezione di Chanukkiyahil candelabro a nove bracci utilizzato durante la festa Hannukkah, e di mahtab, la paletta per l’incenso. C’è persino una simpatica riproduzione dello shabbat realizzato con i peluche.

Ner Temid del Sud

Nell‘Armadio Sacro della Sinagoga, lAron haQodesh Aron-Ha-Kodesh, Rabbi Barbara custodisce 3 antichissimi Sefer Torah: uno di questi è stata scritta a mano su carta di papiro nel 1783 a Torino. Su commissione ne è stata realizzata anche una portatile nel 1880 a Nizza, facilmente trasportabile e nascondibile durante le persecuzioni. 

Ner Temid del Sud

Ner Tamid del Sud – Aron haQodesh

Rabbi Barbara, indossa il Talled, la sciarpa che si utilizza durante la preghiera. Notiamo subito la somiglianza nei tessuti e nelle strisce con il vancale, sciarpa tradizionale del borgo di Tiriolo. Qualsiasi cosa venga realizzata in stoffa deve sempre avere almeno una striscia blu, che per gli ebrei corrisponde al Tekhelet.

Poi ci legge un tratto della Torah in ebraico, da destra verso sinistra, con l’aiuto dello Yad, la mano, e ci spiega il significato.

Ner Temid del Sud

Ner Tamid del Sud – Lettura della Torah e lo Yad

Per saperne di più sulla Sinagoga ebraica e sulle attività svolte da Rabbi Barbara visita il sito ufficiale di Rabbi Barbara Aiello

Se vuoi scoprire il borgo di Serrastretta leggi anche Cosa vedere a Serrastretta

Ringrazio Rabbi Barbara Aiello per avermi fatta entrare nel suo mondo per me sconosciuto e avermi arricchita con i suoi racconti.


Vuoi scoprire la mia bellissima Calabria?

Rimaniamo in contatto?

Ricevi tutti gli aggiornamenti del blog, iscriviti al Canale Telegram e alla Newsletter! Mi trovi anche su Facebook!

Leggi anche

2 commenti

Katia / Il Miraggio Blog di Viaggi e Arte 23 Gennaio 2018 - 19:20

Ma che bella storia! Non sapevo che ci fosse una comunità ebraica in Calabria, ne tanto meno che a Serrastretta ci fosse l’unica sinagoga in Calabria!

Ripeti
Jamaluca 23 Gennaio 2018 - 22:28

La Calabria ha tantissimi tesori nascosti. La Sinagoga è stata una vera scoperta, ne ero già rimasta incantata anni fa, dopo l’ultima visita ancor di più.

Ripeti

Lascia un commento

error: Content is protected !!