Home ♡ CALABRIA MIA ♡ Savuci: il borgo fantasma che riprende vita e colore

Savuci: il borgo fantasma che riprende vita e colore

by Maria Rita

I borghi insegnano che per ognuno di loro bisogna aspettare il proprio tempo, ed io ho imparato che non tocca a me decidere quando e come visitarli ma sono loro ad attirarmi a sè. I borghi, specie quelli abbandonati e definiti fantasma, sono come sirene, è un pensiero che ho avuto dopo aver visitato Carello e che ritorna in mente anche per Savuci che ho avuto il piacere di conoscere e vivere per qualche ora dopo oltre dieci anni di richieste per essere accompagnata a visitarlo.

Savuci dall'alto
Savuci dall’alto

Il Borgo di Savuci

Affacciandoti dalla strada principale appena arrivati a Maranise, frazione di Fossato Serralta, vedi Savuci quasi a ridosso del Fiume Alli circondato dai monti della Presila Catanzarese.

Poche case costituiscono un piccolo nucleo abitativo che fu abitato prima da poco più di 150 persone per poi essere abbandonato a seguito delle alluvioni negli anni ’70.

In fondo al borgo sorge ancora la Chiesa dedicata a Santa Maria Assunta e affacciandosi, specie di sera, si può ammirare una splendida vista panoramica sui borghi di Albi e San Giovanni d’Albi, così vicini che sembra di riuscirli a sfiorare, e in lontananza una piccola Sellia.

Savuci non è come Carello, Panetti o Nicastrello che nel corso degli anni hanno mantenuto il loro essere e la loro ruralità. Dopo l’abbandono si è pensato di ristrutturare quelle case e affidarle ad associazioni e privati.

Savuci
Il Borgo di Savuci

Savuci in Festival

Nessuno, immagino, andrà mai a riabitare queste case, nemmeno per un mese, nemmeno nel periodo estivo. A meno che non si verifichi qualche miracolo e la fantasia non prenda il sopravvento sulla realtà.

Il senso dei luoghi – Vito Teti

Quel miracolo descritto nel libro è Savuci in Festival, un evento che da due anni fa rivivere il borgo con mostre artistiche e fotografiche, l’artigianato dei maestri cestai fossatesi e musica live.

I cesti di Fossato Serralta
I cesti di Fossato Serralta

La street art a Savuci

A Savuci ti perdi nei vicoli e scopri gatti dipinti sui muri e sulle porte delle case.

Savuci
Savuci

Case che oggi sono colorate dai murales di Massimo Sirelli e Leonardo Cannistrà dedicati a Mimmo Rotella e Fabrizio De Andrè ai quali sono stati anche intitolati la piazza e la via.

Street art a Savuci - Mimmo Rotella realizzato da Massimo Sirelli
Street art a Savuci – Omaggio a Mimmo Rotella di Massimo Sirelli
Street art a Savuci - Fabrizio De Andrè realizzato da Leonardo Cannistrà
Street art a Savuci – Omaggio a Fabrizio De Andrè di Leonardo Cannistrà

Come raggiungere Savuci

Da Catanzaro per raggiungere il borgo bisogna percorrere la SS 109 della Presila e appena arrivati a Maranise trovate l’indicazione Borgo Savuci.

Vuoi scoprire la mia bellissima Calabria?

Rimaniamo in contatto?

Ricevi tutti gli aggiornamenti del blog, iscriviti al Canale Telegram e alla Newsletter! Mi trovi anche su Facebook!

Aggiornato il

Leggi anche

Lascia un commento