Home Parco Nazionale della Sila Primavera in Sila: gite fuori porta ed escursioni alla scoperta delle sue fioriture

Primavera in Sila: gite fuori porta ed escursioni alla scoperta delle sue fioriture

by Maria Rita

La Primavera in Sila è stata da sempre una stagione importante. Per i suoi abitanti significava essere riaperta e vissuta dai pastori e dai contadini che durante l’inverno si erano trasferiti nelle zone di mare per via delle temperature poco sopportabili.

Fino agli anni ’50 infatti la Sila veniva chiusa da Novembre a Maggio, le famiglie che ci rimanevano erano davvero poche. Non esistevano i villaggi turistici, non erano state costruite le dighe e gli impianti sciistici. La Sila era “spoglia” di tutto ciò che oggi ci attrae.

Credo di essere un pò come i pastori e i contadini del passato. L’ho lasciata due anni fa a Novembre dopo aver conosciuto la Montagna della Perciavinella, e lo scorso anno invece dopo quattro domeniche full immersion per non perdermi neanche un momento dei colori caldissimi del foliage (ne parlo qui Il foliage nel Parco Nazionale della Sila) e un pomeriggio di dicembre in cui abbiamo trascorso qualche ora per goderci la prima neve prima di riprendere le nostre belle escursioni primaverili.

Primavera in Sila: gite fuori porta e pic nic in riva al lago

Ho trascorso per tanti anni giornate di Primavera in Sila 

senza mai addentrarmi in zone e sentieri meno conosciuti. 

Basta infatti spostarsi un pò più in là, allontanandosi dai luoghi di passaggio,

lasciare la macchina sulla strada e intraprendere un sentiero

per riuscire ad apprezzare la sua bellezza.

Durante questa stagione, se il tempo lo permette il Lago del Passante è uno dei miei posti preferiti, il mio “luogo del cuore”, un vero must per una gita vicino casa senza allontanarsi troppo. E poi vuoi mettere organizzare un pic nic in riva al lago evitando le scottature del sole estivo?

Primavera in Sila - Lago del Passante

Primavera in Sila – Lago del Passante

Primavera in Sila: la Stagione delle fioriture

Non sono un’esperta di fiori, e tanto meno ho il pollice verde. Le piante, una volta entrate in casa mia, sopravvivono se ne hanno la forza.

Le uscite primaverili di trekking  sono diventate un vero e proprio corso di botanica, grazie alla mia maestra e cara amica Franca, la fotografa ufficiale dei fiori del nostro gruppo collaudato.

In questa stagione il bianco della neve lascia spazio al verde intenso dei Pini Larici e dei Faggi e ad un’immensa varietà di fiori che colorano i prati: narcisi, violette, asfodeli, margherite, dactylorhiza sambucina e orchidee di ogni tipo.

Primavera in Sila

Primavera in Sila – Fioriture

Primavera in Sila: una passeggiata rigenerante da Fallistro ai piedi di Monte Curcio

A quota 1420 m, partendo da Croce di Magara, frazione di Spezzano della Sila, a pochi metri dal bosco monumentale dei Giganti, il sentiero di Fallistro conduce ai piedi di Monte Curcio. E’ un percorso che si alterna tra sentieri in salita e pianeggianti e tra le tante escursioni è una delle mie preferite.

I sentieri di Fallistro fanno parte della zona protetta del Parco Nazionale della Sila, al fine di preservare il patrimonio paesaggistico e naturalistico è possibile percorrerli soltanto a piedi o in mountain bike.

Adoro in particolar modo questi sentieri che attraversano il sottobosco e ti portano verso enormi distese verdissime, prati immensi dove si nascondono i fiori più belli che aspettano di essere ammirati. E’ vietato strapparli o calpestarli!

Lungo il sentiero incontriamo un vecchio Maso abbandonato in località Spirito Santo. Al suo interno si può vedere un vecchio “caccavo” utilizzato per fare i formaggi e le ricotte.

Primavera in Sila

Primavera in Sila – I masi di Spirito Santo

Ai piedi di Monte Curcio, nei pianori di Macchia Sacra e Macchione  gli alberi assumano la forma di un’onda perfetta sotto il cielo azzurro. Grazie ai numerosi divieti e obblighi da rispettare, quest’area si conserva allo stato naturale.

Primavera in Sila

Primavera in Sila – I pianori di Macchione e la Capanna dei Vaccari

Il resoconto di questa bellissima escursione la trovi qui:

Come sempre la Sila mi regala meravigliosi scatti e mi rigenera con la sua aria più pulita d’Europa.

Puoi vedere altri scatti nell’Album fotografico e sul mio profilo Instagram (in basso).

Ti racconto la mia primavera silana in questo post scritto per Cammina Sila –> Rigenerarsi tra violette e narcisi a Fallistro e Macchia Sacra


Volete scoprire la mia bellissima Calabria?

Rimaniamo in contatto?

Per ricevere tutti gli aggiornamenti del blog, iscrivitevi al Canale Telegram e alla Newsletter! Mi trovate anche su Facebook!

Leggi anche

5 commenti

Katia - Il Miraggio Consigli di Viaggio Arte Storia 12 Giugno 2017 - 11:59

Ma davvero? La Sila veniva chiusa durante i mesi invernali? Questo non lo sapevo! Io e´ da una vita che non ci vado: la domenica ero spesso sul lago Ampollino, ho anche Vaghi ricordi di San Giovanni in Fiore!

Ripeti
Valentina 7 Gennaio 2018 - 11:04

Come deve essere bella la Sila!! ❤❤❤

Ripeti
Giorni Rubati (@GiorniRubati) 18 Febbraio 2018 - 21:26

Le fioriture che metti sono bellissime… I fiori bianchi da noi si chiamano giunchiglie e c’è una montagna dove si va a maggio proprio per assistere alla loro fioritura!

Ripeti
Marina 15 Giugno 2018 - 21:13

Oddio, mi manca il Lago del Passante. Ma dov’è? Conosco solo Cecità e Lorica. Mi manca!!!

Ripeti
Jamaluca 16 Giugno 2018 - 15:25

Si trova nella Sila Piccola a pochi km dal Villaggio Mancuso. Io sono sempre qui ad aspettarti, ti accompagno volentieri e ti faccio da guida, è una zona che conosco benissimo.

Ripeti

Lascia un commento

error: Content is protected !!