Home Puglia I borghi più belli della Valle d’Itria: Locorotondo e Cisternino

I borghi più belli della Valle d’Itria: Locorotondo e Cisternino

by Maria Rita

Locorotondo e Cisternino sono un’accoppiata vincente se state organizzando un viaggio nella Valle d’Itria in Puglia, due piccoli gioielli che riescono a essere visitati insieme nella stessa giornata e se non avete tempo nello stesso pomeriggio come abbiamo fatto noi.

I borghi più belli della Valle d’Itria: Locorotondo e Cisternino

Locorotondo e Cisternino, sono delle bomboniere a cielo aperto che, per la loro autenticità, rientrano non solo tra i Borghi più belli d’Italia in Puglia ma anche tra le Bandiere Arancioni del Touring Club.

Cosa vedere a Locorotondo

Amo perdermi tra i vicoli, ammirare portoni, finestre e balconi, tornare indietro se entro in una via senza uscita.

A Locorotondo se prendi una via a sinistra ti trovi al punto di partenza venendo da destra, ed è per questo motivo che si chiama così. Il suo nome significa luogo rotondo con riferimento alla circolarità del borgo con le case disposte su anelli concentrici e alle mura che lo cingono. Raggiungendola da Martina Franca dal basso puoi già notare la sua forma circolare.

Locorotondo regala un’ottima vista panoramica sulla Valle d’Itria dalla Villa Garibaldi e dal largo Bellavista su Via Nardelli.

Cummerse

Se la peculiarità di Alberobello sono i trulli, Locorotondo ha le sue cummerse. Cosa sono? Sono i caratteristici tetti delle case del centro storico sono spioventi, a punta, ricoperti dalle chiancarelle, ovvero lastre calcaree. Somigliano molto alle case del Nord Europa (ma quelle sono colorate e ti danno il senso della vivacità).

Locorotondo invece è candida ma soprattutto è bianchissima! Ogni sua casa, finestra, balcone, pianta, chiesa, campanile, via regalano a chi è appassionato di fotografia centinaia di scatti. Sarei stata lì ore e ore a immortalarla in ogni suo centimetro. È tutta da fotografare!

Locorotondo è piena di piante e fiori.. Ogni anno in estate i residenti gareggiano ornando il proprio balcone con piante e fiori per concorrere all’elezione del Balcone in fiore più bello. Ogni balcone è numerato e i visitatori prima di lasciare il paese possono esprimere la propria preferenza votando quello che è piaciuto di più.

Chiesa Matrice

Passeggiando tra i vicoli ci troviamo in Piazza Fra G.A. Rodio dove è situata la Chiesa matrice dedicata a S. Giorgio Martire, patrono della città, che risale al XVIII secolo.

Locorotondo e Cisternino I borghi più belli della Valle D'Itria
Locorotondo – Chiesa Matrice

Chiesa della Madonna della Greca

La Chiesa della Madonna della Greca invece è la più antica ed è stata costruita due volte, la prima risale al XIII secolo mentre l’attuale al XV secolo conservando ancora oggi l’impianto medievale in stile gotico all’interno e una sobria essenzialità medievale all’esterno con il rosone in pietra riprodotto e realizzato nel XX secolo dal maestro locorotondese, Domenico Rosato, su disegno di Vito Giuseppe Curri.

Sull’altare maggiore si può ammirare il polittico della Madonna delle Rose con S.Lucia, S.Pietro, S.Paolo e S.Oronzo, commissionato nel XVI secolo da Ottaviano Loffredo e il gruppo scultoreo di San Giorgio a cavallo. 

I borghi più belli della Valle D'Itria

Siamo gente del Sud e Locorotondo non ti tratta da estranei visitatori che dopo un’ora vanno via.. Le signore si fermano a chiacchierare, percorrono con te un po’ di vie con molto piacere.

Tra tutti i posti visitati è quello che più porto nel cuore.. li porto tutti, eh? Ma Locorotondo mi ha affascinata da morire, sarà perchè l’abbiamo visitata in un giorno feriale di inizio estate quando ancora è poco turistica e molto conviviale. Sarà anche perché uno dei miei giochi preferiti si chiama Locoroco o saranno i suoi balconi colorati, i tetti spioventi. L’ho adorata ancor prima di visitarla.

Per vedere altre foto, trovi qui la Galleria Fotografica

Visitare Locorotondo a Natale

Se organizzate il viaggio in Puglia nel periodo natalizio, Locorotondo è una delle mete da inserire nella vostra lista di posti da visitare. Ogni angolo del borgo più bello d’Italia diventa uno scenario meraviglioso grazie alle mille luci e agli addobbi natalizi.

Come arrivare a Locorotondo

Locorotondo si raggiunge facilmente in macchina:

  • Da Bari prendendo la S.S. 16 (litoranea) con uscita a Fasano o prendendo la S.S. 100 con uscita a Turi immettendosi nella 172 Dir., la Statale dei Trulli
  • Da Taranto percorrendo la statale 172 Dir.;
  • DA Lecce o Brindisi percorrendo la S.S. 379 con uscita Fasano, quindi immettersi nella 172 Dir.

Le distanze dall’aeroporto sono da Bari circa 75 km e da Brindisi circa 55 km.

Se invece viaggiate in treno potete raggiungere Locorotondo:

  • Da Bari, tramite le Ferrovie dello Stato (F.S.) fino alla stazione di Fasano (Fasano Scalo) dalla quale si procede a mezzo Pullman per 13 km circa;
  • Da Bari, anche tramite la Ferrovia Sud-Est (F.S.E.) fino alla stazione di Locorotondo;
  • Da Taranto tramite la Ferrovia Sud-Est (F.S.E.) fino alla stazione di Locorotondo;
  • Da Lecce-Brindisi tramite le Ferrovie dello Stato (F.S.) fino alla stazione di Fasano (Fasano Scalo) dalla quale si procede a mezzo Pullman per 13 km circa.

Cosa vedere a Cisternino

Cisternino appartiene con Ostuni alla provincia di Brindisi e dista circa 9 km da Locorotondo. Come le altre due cittadine, anch’essa è bianca. E’ meta indiscussa per le famose bracerie dove poter degustare la carne al fornello e le bombette dopo aver visitato il piccolo borgo.

Le sue origini sono legate ai Messapi che sul colle si insediarono per primi, poi ai romani che la ribattezzarono con il nome di Sturni(n)um. Distrutto dai Goti, il paese fu ricostruito dai monaci basiliani nel medioevo che diedero il nome di Cis-turninum.

Porta Piccènne

Attraverso Porta Piccènne ci addentriamo nel centro storico e notiamo subito un dipinto a tempera di Santa Lucia all’esterno dell’omonima chiesa.

Torre dell’Orologio

La Torre dell’Orologio in Piazza Vittorio Emanuele è il simbolo della cittadina: è stata costruita nel 1850 a cura dei maestri Curri di Alberobello, gli stessi che hanno realizzato la Basilica dei SS. Medici Cosma e Damiano.

Chiesa Madre

Nella Chiesa Madre dedicata a San Nicola si trova l’opera della Madonna con bambino in pietra scolpita da Stefano di Putignano nel 1517.

Porta Grènne e la Torre Muraria

A Porta Grènne invece sono presenti la Torre Muraria, la Chiesa Madre di San Nicola, il monumento ai Caduti in guerra e un punto panoramico che affaccia sulla Valle d’Itria. In lontananza riesci anche a vedere Martina Franca.

Santuario della Madonna d’Ibernia

Tra gli itinerari religiosi in Puglia, a 3 km dal centro storico di Cisternino si trova il Santuario della Madonna d’Ibernia o Madonna de Bernis.

Secondo la tradizione la Vergine Maria apparì in questo luogo indicando dove voleva la costruzione del santuario a lei dedicato e qui poi venne edificato nel XII secolo in stile romanico.

Dove mangiare a Cisternino: carne al fornello, bombette e gnummeredd

Rispetto a Locorotondo, Cisternino è piena di locali nel suo centro storico ed è famosa per le sue bracerie dove, come nel resto della Valle d’Itria, è possibile degustare la carne al fornello e le bombette, involtini di carne ripieni di prosciutto e formaggi, e i gnummeredd.

Solitamente i fornelli pronti si trovano all’esterno delle macellerie e una volta scelta la carne da mangiare viene arrostita a vista.

Cosa vedere nei dintorni di Locorotondo e Cisternino

Oltre a visitare Locorotondo e Cisternino per la loro posizione centrale si raggiungono facilmente:

Qui trovi il nostro itinerario in Valle D’Itria

6 commenti

Jamaluca 10 Novembre 2016 - 9:30

ne sono onorata.. grazie mille per aver pensato a me..

Ripeti
2016: l'anno del blog e del mio nuovo modo di viaggiare - Jamaluca 31 Dicembre 2016 - 12:36

[…] ben 5 giorni concentrandoci solo nella Valle D’Itria: ci siamo dedicati ad Alberobello, Locorotondo e Cisternino, Martina Franca, Ostuni, Polignano a Mare. Tutte vicine tra loro. E poi non potevano […]

Ripeti
Zoosafari di Fasano: tre parchi tra flora e tantissima fauna - Jamaluca 23 Gennaio 2017 - 16:57

[…] Dopo la visita allo Zoosafari è possibile visitare altre località vicine, la Valle D’Itria è ricca di luoghi che aspettano di essere conosciuti. Noi abbiamo pranzato con due panini in macchina, e dopo aver riposato un po’, abbiamo dedicato il pomeriggio a Locorotondo e Cisternino. […]

Ripeti
drinkfromlife 6 Gennaio 2018 - 19:51

Amo Cisternino, ho trascorso un’estate magica un un trullo. Locorotondo invece mi manca, nonostante sia pugliese. Belle foto!

Ripeti
Alessia Morello 7 Giugno 2018 - 15:38

Non ho mai visitato queste zone e da grande amante dei viaggi mi piacerebbe un sacco venirci al piu presto, ovviamente c’è sempre troppo poco tempo libero!!

Ripeti

Lascia un commento