Lanificio Leo: la più antica fabbrica tessile della Calabria

by Jamaluca
lanificio leo

Questa è una storia che risale al 1873. In un antico lanificio nella presila catanzarese uomini e donne portavano la propria lana in cambio di filati e tessuti, come ancora oggi funzionano i frantoi. E’ una storia che ancora oggi si può raccontare osservando le antiche macchine da un lato e le innovazioni tecnologiche dall’altro. E’ la storia del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile della Calabria.

Lanificio Leo: la più antica fabbrica tessile della Calabria

Tra Bianchi e Carlopoli si allevava la pecora Gentile di Puglia e le donne erano dedite a lavorare in casa trasformando la lana in filo e realizzando tessuti e ricami. E’ qui che viene fondato nel 1873 il Lanificio Leo cogliendo l’opportunità di sfruttare l’enorme quantità e qualità della lana presente sul territorio. Se prima i macchinari utilizzavano la forza idrica, nel 1935 il Lanificio Leo viene trasferito a Soveria Mannelli per sfruttare l’energia elettrica.

Lanificio Leo

Negli anni ’70 l’azienda si trova in difficoltà per il reperimento della lana e la Gentile di Puglia viene sostituita dalle pecore sarde per la produzione di latte e prodotti caseari.

L’azienda viene chiusa ma non dismessa. Giuseppe Leo continua a prendersi cura dei suoi macchinari sia nella custodia che nella manutenzione.

Il Lanificio Leo rinasce grazie a suo figlio Emilio e oggi è alla sua quarta generazione. Tradizione, innovazione, arte, design e cultura sono gli elementi portanti dell’azienda, oggi un esempio di eccellenza calabrese.

Lanificio Leo

Lanificio Leo: il museo-impresa

Per gli amanti del turismo industriale, tra le tappe imperdibili ai musei d’impresa calabresi (il Museo storico della miniera di salgemma a Lungro, il Museo del pane di Cerchiara, il Museo della seta a Mendicino, il Museo della liquirizia Amarelli a Rossano, il Museo dell’arte tessile Bossio a Calopezzati, il Museo dell’olio a Cropani, il Museo delle Reali Ferriere Borboniche a Mongiana) c’è anche la visita al Lanificio Leo. E’ infatti uno dei più significativi esempi di azienda-museo presenti in Calabria e in Italia.

All’interno del Lanificio Leo è possibile ammirare il patrimonio industriale di famiglia. I secolari macchinari, ancora oggi funzionanti grazie alla cura del signor Giuseppe, riproducono il ciclo della lana dalla sua trasformazione nei filati alla tessitura e al confezionamento dei prodotti. Durante le visite Emilio spiega passo passo il loro funzionamento.

Lanificio Leo

E ancora, più di 300 calchi intagliati nel legno di pero per la stampa a ruggine handmade.

lanificio leo
Lanificio Leo – Timbri handmade

Oggi il Lanificio Leo è un’eccellenza del Made in Italy, i prodotti dal design contemporaneo raccontano una storia che mantiene la propria identità legata al territorio. Oltre a vedere i prodotti in azienda, ho avuto modo di ammirare i loro capolavori durante l’evento Catanzaro Design Week.

Lanificio Leo

Grazie alla Famiglia Leo e alle loro collaboratrici per averci accompagnato durante la nostra visita e averci dedicato parte del loro tempo prezioso, in particolar modo al Signor Giuseppe che con la sua tenerezza e simpatia ci ha fatto vivere momenti che porteremo sempre nel cuore. 

Contatti

Lanificio Leo

Via Cava n° 43 – 88049 Soveria Mannelli (CZ) – Italy

Tel: +39 0968 662027

Sito ufficiale 

Se ti è piaciuto condividilo su:

Leggi anche

6 commenti

anna 11 Maggio 2018 - 9:50

Che bello questo lanificio, io adoro vedere tutti i colori e i macchinari. Anche a Schio, nel Veneto, c’è un antico lanificio e ogni tanto mi piace andarlo a visitare. Questo lanificio non lo conoscevo e non sapevo che in Calabria ci fosse una tradizione delle lane, molto interessante. Immagino che anche per te sia stato un “viaggio” in cui hai anche imparato tante cose. Le tradizioni hanno sempre qualcosa di magico.

Ripeti
Paola 1 Giugno 2018 - 13:05

Mi affascina sempre leggere di come vecchie tradizioni vengono riportate in vita. Ho fatto un giro sul loro sito e creano davvero dei prodotti interessanti e di qualità!

Ripeti
Giulia M. 3 Giugno 2018 - 12:30

Come dice Paola, vedere tardizioni antiche tornare a nuova vita mi piace davvero moltissimo! Si ripete in continuazione che abbiamo un patrimonio incredibile e a volte sembra ormai una frase fatta, ma è la pura verità ed è mraviglioso vedere non si limita a restare tutto nel passato.

Ripeti
Valentina 10 Giugno 2018 - 15:01

Molto interessante la storia di questo lanificio! Mi piace molto leggere e scoprire queste tradizioni e la creatività con cui vengono portate avanti!

Ripeti
Daniela 1 Luglio 2018 - 18:03

Davvero interessante. Quel genere di tradizioni che vanno valorizzate e conservate, anche per manterere i tanti mestieri artigianali che stanno via via scomparendo. Ed è un peccato.

Ripeti
Erica 26 Settembre 2018 - 16:36

Ho dato un’occhiata al loro sito e i loro prodotti sono davvero splendidi! È importante conservare e portare avanti queste tradizioni che hanno fatto e continuano a rendere il nostro paese una punta di diamante nel settore dell’artigianato

Ripeti

Lascia un commento